Primavera, 2022

Cambia l’ora e siamo ancora stupefatti della natura in città

Il baricentro si è spostato fuori dalle mura, all’Isolotto siamo ospiti della Stamperia n1 di Luna Colombini

In via Torcicoda 1 rosso ha trovato casa CreativeMornings Florence, con un primo appuntamento dopo il fermo dell’inverno GIOVEDI’ 31/3/2022 (ore 18, un SIT&SHARE per farsi coraggio e ripartire)

Per scoprire insieme il quartiere la proposta è un WRITE-UP: 4 incontri di 1 ora per osservare e narrare con Fiamma e le mappe di Shaun Levin (chiedete e vi saranno dati dettagli)

Al Parco delle Cascine l’angolo libri all’interno del ristoro di PIA avrà un percorso rinnovato a partire da aprile, con il nuovo ciclo di attività NEL BOSCO della Compagnia Virgilio Sieni

Alcuni autori ci scrivono per presentare i loro nuovi libri all’aperto, come la scorsa estate, chissà…

Voi se vi sposate chiedeteci pure aiuto per una lista libri come dono per/da gli ospiti (per altro bookcatering, parliamone…)

Mindscapes

WRITE-UP

Esplorazioni lente con taccuino

Affrontiamo il momento con un accompagnamento alla pratica umana del narrare.

Un percorso di 4 incontri di un’ora per avventurarsi in un perimetro corto e creare storie dai luoghi “dell’anima” sempre raggiungibili.

WRITE-UP è un metodo di lavoro per approfondire la relazione con lo spazio “vicino” a noi. WRITE-UP è una opportunità per approfondire, attraverso la narrazione, come lo spazio sia centrale nella creazione delle personalità; si viene incoraggiati a immaginare, trasportarsi oltre la zona di confort, nutrirsi e narrare, “usando” la nostra osservazione del territorio “vissuto”- i caffè, i mercati, i parchi – come risorsa per storie compiute.

In 4 tappe si condividono esercizi di NARRAZIONE, osservando come l’ambiente “interno” influenza lo stato emotivo ed esplorando vari aspetti del paesaggio “elettivo”.

L’obbiettivo è riscoprire l’ambiente intorno nel nome dell’avventura, della meraviglia e per una connessione profonda con i posti che ci circondano.

Percorso: attivabile a primavera

Coordinamento: Fiamma Petrovich

Materiali: 1 taccuino da riempire e tempo per sé stessi

Partiamo? Basta prenotare il primo incontro all’Isolotto scrivendo a socialtatata@gmail.com (chi coordina può fornire dettagli su costi e tempi)

Dall’India con amore e del ritorno

Mercoledì 8 dicembre si conclude il Festival di cinema indiano RivertoRiver e anche l’attività del portare i libri in luoghi e contesti di cultura in città. È stato bello e faticoso, troppo in conclusione.

C’è un ultimo appuntamento in libreria sabato 18 alle 16 in partenza della camminata urbana con Alessandro Vergari e Paolo Ciampi, per un saluto a questo 2021 e all’avventura che sono stati i 4 anni in Santa Maria. Esce il 9 dicembre “Anatomia del ritorno” nella Biblioteca della letteratura inutile (Italo Svevo Edizioni) e sarà il libro di chiusura degli incontri per viaggiatori e anche la lettura di Natale delle libraie d’Oltrarno, che come dice una leggenda aprirono bottega al ritorno da una vacanza in Grecia (nel Mani, si, accanto a casa Fermor, sennò dove?). Siateci se potete.

Se ancora non avete pensato ai regali, per queste due settimane potete attingere dalla selezione ora a scaffale in Oltrarno: scegliete 3 libri e ne prendete altri 3 in omaggio (traduzione: FINAL SALES BUY 3 BOOKS & GET 3 FOR FREE )

Per tutto il resto… Ohm Mani Padme Hum

ITACA

Alle Cascine

ITACA: una prima esperienza che vogliamo ripetere

Vi interessa costruire insieme il Festival per la prossima estate? Parliamone!

3 libri del percorso di lettura proposto, disponibili anche nell’angolo libri al parco:

1.Vivere secondo natura di Henry Threau

2. Gli occhi di Firenze di Paolo Ciampi

3. Il giro del mondo in 70 picnic – a cura di Silvia Ciriegi

 

Ancora A PALAZZINA INDIANO ARTE:

Alessandra Viola in riva d’Arno

-> della serie CreativeMornings Florence 

 

#Tasso21

Autunno n 4

Così ci siamo, i ragazzi sono tornati a scuola e via Santa Maria è affollata per i 15 minuti dell’uscita. Sono tornati anche i ragazzi della scuola Oltrarno e a ottobre nuovo programma de La Democrazia del Corpo, di Virgilio Sieni.

Abbiamo festeggiato l’equinozio alle Oblate con la firma del Patto per la lettura del Comune di Firenze, in compagnia di oltre 70 operatori culturali.

Ecco quindi la nostra proposta di incontri e laboratori per questa ripartenza, nel progetto #Tasso21

1 ottobre alle 17.30 presentazione del libro di Antonio Perazzi “Contro il giardino” e inaugurazione di “#Tasso21: 21 settimane in Piazza Tasso“, un progetto di laboratori e attività didattiche – sostenuto dai contributi del bando “Paesaggi Comuni” Comune di Firenze e Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze – volte ad abitare la piazza come bene comune dell’Oltrarno

L’azione di rigenerazione degli spazi verdi verrà attuata con attività diverse fra loro e che coinvolgeranno direttamente cittadini del quartiere, in forma privata o associativa: pulizie della piazza e del giardino e laboratori didattici di educazione ambientale, attività educativa, formativa e motoria con i bambini delle scuole dell’Oltrarno inerente l’avviamento all’utilizzo della bicicletta, la pratica del ciclismo come disciplina sportiva e la sicurezza stradale; presentazioni di libri e laboratori di lettura e molto altro.

Il progetto intende anche conferire un ulteriore valore allo spazio verde interno al chiostro delle Ex Leopoldine, dove si trova la Biblioteca Pietro Thouar, grazie all’installazione di un orto urbano con piante officinali e fiori stagionali di corredo.

Da qui l’anteprima a luglio su orti e capanne con Alessandro Vergari (ve la siete persa? non perdetevi i libri !)

Sabato 2 ottobre alle 10  “Musica in movimento” nell’area giochi in piazza laboratorio con Cristina Petitti (su prenotazione a info@tatata.it)
Per bambini da 3 a 7 anni  (per un max di 8 partecipanti, accompagnati)

Sempre alla Biblioteca Thouar, venerdì 8 ottobre, ore 17, prima presentazione nazionale del libro di Alessandra Viola e Rosalba Vitellaro “Il pianeta di Greta” (Einaudi, 2021). Introduce Sandra Gesualdi.

Venerdì 22 ottobre alle 16,30 “Musica in movimento”  ancora nel chiostro laboratorio con Cristina Petitti
Per bambini da 3 a 7 anni  (per un max di 8 partecipanti, accompagnati)

Venerdì 29 ottobre alle 16,30 lettura animata de “L’uomo che piantava gli alberi” di Jean Giono con Maria Piccolo
Per bambini da 9 a 12 anni  (per un max di 8 partecipanti, accompagnati)

L’accesso al chiostro della biblioteca è consentito solo con green-pass (per i maggiori di anni 12) con prenotazione, a garanzia di tutti i partecipanti.

Vi aspettiamo e che possa essere una ripartenza serena 🙂

Storia e geografia

Ci raccontano così e meglio sarebbe impossibile 🙂

Ringraziamo davvero di cuore Mira per il progetto Brucio dunque leggo, Letizia Fuochi per l’intervista e BiblioCoop per l’accoglienza.

La prima tappa del nostro viaggio alla scoperta di libreria fantastiche è in Oltrarno, a Firenze, in via Santa Maria: proprio di fronte al Teatro Goldoni. La libreria Tatatà è luminosa, calda e accogliente. Creata e gestita da Silvia e Fiamma amiche di una vita, viaggiatrici viaggianti, anime nomadi di cuore e passioni – sembra incastonata nella natura. Gli scaffali sono rami e i libri, il frutto dell’ingegno di chi traduce in parole le emozioni.

La libertà, il tema di questo primo appuntamento, mette radici stabili nell’idea creatrice del loro progetto: una libreria gestita da una piccola cooperativa di donne.

La società liquida in cui viviamo necessita di rallentare e nutrirsi di un proprio tempo da dedicare allo scambio, al confronto, alla conoscenza e alla meraviglia: ecco così che si realizza la possibilità di abitare per qualche ora in libertà uno spazio di passioni comuni che diventa dimora, rifugio, interazione.

Tatatà non è solo una libreria di quartiere, ma un modo di vivere il cuore antico della città uscendo coi libri in bicicletta per le strade, per le piazze, inventando colazioni poetiche e collaborazioni artistiche, mettendo al centro il libro, la cura per ogni storia, insieme ad un sorriso per chiunque voglia fermarsi, nutrirsi e riprendere poi, lentamente, il proprio cammino.

 

 

leggi qui per il libro consigliato 🙂

In Oltrarno: apertura lenta

Solo due stanze e una piccola corte, Tatatà è stata pensata come luogo per incontri uno a uno, il libro e il suo lettore. Le libraie si limitano a selezionare nell’enorme mare di libri pubblicati ogni anno, e a portata di tutti con un click, letture che rispondono a una visione del mondo, di chi apre il portone giorno dopo giorno e di chi si è abituato a varcarlo, nei due anni e mezzo dall’apertura: una parete per la natura e l’altra di fronte per le città, in mezzo il paesaggio, l’altitudine della montagna, la profondità del mare.

Non si viene qui a “fare salotto”, c’è Santo Spirito a pochi passi, per sedersi a chiacchierare, in giorni “normali” ed è un po’ la nostra piazza: una domenica al mese la abitiamo per la Fierucola, quando sarà di nuovo possibile, con la ciclolibreria.

In queste settimane l’edicola è stato il punto di ritiro (orario continuato tutti i giorni) per i lettori prossimi, a distanza consentita, mentre la cargobike è servita a consegne in città di beni primari (e anche fiori), con le pedalate di una realtà cooperativa come noi. Siamo rimasti in contatto con i lettori via email, sito, social e abbiamo aderito alle forme collaborative proposte per l’emergenza, da editori e distributori.

Purtroppo la biblioteca di piazza Tasso è chiusa e la bibliotecaria, con la quale si è progettato una serie di incontri per l’Estate Fiorentina, scrive che tutti gli eventi sono rimandati al prossimo anno.

A febbraio abbiamo fatto partire un progetto sulla Costituzione degli Alberi (promulgata a Parigi lo scorso anno), aspettiamo giugno (?) per un incontro sotto il tasso dei Nidiaci.

In Santa Maria saremo: due ore la mattina (10/12) e tre ore il pomeriggio (15/17), si entra uno alla volta (indossando la mascherina), solo le libraie si muovono tra gli scaffali ed è gradita una visita veloce (arrivate con la lista o anticipatela).

Non potremo offrire il caffè (né l’acqua ai quadrupedi). Siamo preparati a cambiare? Il lavoro di tutti è cambiato, a portone aperto cerchiamo insieme di capire come muoversi, da adesso in avanti.